HOME PAGE‎ > ‎Scuderie‎ > ‎

Ligier


Guy Ligier iniziò a correre sulle due ruote, per poi passare alle auto, partecipando per due stagioni al mondiale di Formula 1 come privato, prima di interrompere la carriera, principalmente per la scomparsa dell'amico Jo Schlesser, cui il francese "dedicò" in futuro tutte le proprie vetture, ribattezzate sempre con il prefisso JS, ovvero le iniziali di Schlesser. Il debutto della Ligier in Formula 1 avvenne nel 1976 con Jacques Laffite alla guida, cogliendo un quarto posto dopo tre gare, la pole a Monza, tre podi e un altro quarto posto, piazzamenti validi per il settimo posto nel mondiale, l'anno successivo arrivò anche il primo successo, al gran premio di Svezia, mentre nel 1978 altri due podi e punti a dimostrare la costante crescita del team.

Passata da motorizzazione Matra al tradizionale Ford Cosworth, la Ligier iniziò il 1979 con due successi per Laffite e un altro per Depailler (poi infortunatosi con il deltaplano e sostituito da Ickx), ma nel proseguio della stagione Ferrari e Williams presentarono nuove vetture, lasciando la compagine francese al terzo posto e il pilota al quarto nel mondiale. La stagione successiva fu quella del secondo posto campionato del mondo di Formula 1, alle spalle dell'imprendibile Williams, grazie alla regolarità di piazzamenti e alle due vittorie, una per parte, di Laffite e Pironi, quarto e quinto al termine della stagione, con passaggio del giovane Didier alla corte di Maranello, mentre l'ormai "fedelissimo" Jacquot (accompagnato dalle poco fortunate presenze di Jarier, Jabouille e Tambay) vinse altre due gare e lottò fino all'ultimo per il titolo nell'anno seguente, poi vinto dalla Brabham di Piquet. 

Dal 1982 iniziò il lento declino, prima con il passaggio di Doucarouge all'Alfa e, dopo una modesta stagione, con l'abbandono di Laffite, Cheever e della Talbot, principale partner della scuderia, situazione culminata in un campionato anonimo terminato senza alcun punto. Grazie ad alcune sponsorizzazioni importanti il team francese ottenne i turbo Renault e nel 1985 il ritorno di Laffite coincise con un netto miglioramento delle prestazioni, con tanto di due terzi posti per il pilota francese, oltre ad un altro podio di Philppe Streiff, ingaggiato durante la stagione in sostituzione di De Cesaris, mentre per l'anno successivo fu Arnoux la seconda guida, in un campionato che iniziò nel migliore dei modi, purtroppo compromesso da un grave incidente che interruppe la carriera di Jacquot.
Purtroppo fu un fuoco di paglia, infatti la squadra imboccò una nuova pesante crisi: nel 1987 intavolò una trattativa con l'Alfa Romeo poi sfumata, con conseguente ripiego sui motori Megatron, ma arrivò un solo punto con un sesto posto di Arnoux a Spa e ancora peggio andò nel 1988 nonostante la conferma del pilota francese e l'ingaggio di un altro pilota di valore come Johansson, al termine dell'anno nessun punti e alcune mancate qualificazioni.

Le stagioni successive seguirono lo stesso andamento e in tre campionati, con l'utilizzo di propulsori Ford prima e Lamborghini poi, Ligier vide le proprie vetture a punti in due sole occasioni (entrambe nel 1989), situazione che migliorò leggermente con il ritorno dei motori Renault nel 1992, anno al termine del quale Guy Ligier, ormai demotivato, cedette la struttura a Cyril De Rouvre, già titolare della Ags dal 1988 al 1991.
Il 1993 fu sorprendente con Brundle e Blundell spesso a punti e tre volte sul podio, anche se l'arresto del nuovo patron portò ad un nuovo scossone, con passaggio a Flavio Briatore che la girò a Walkinshaw con l'intento di arrivare alla fornitura dei motori Renault; in quel periodo arrivarono risultati incoraggianti, il quinto posto nel mondiale 1995 e un'incredibile vittoria, ottenuta a 15 anni dall'ultimo successo, con Olivier Panis nel rocambolesco gran premio di Montecarlo del 1995, prima della cessione ad Alain Prost, che ribattezzò il team con il proprio nome.

Nell'agosto del 2015 Guy Ligier è scomparso, all'età di 85 anni.


Arrivo vittorioso a Buenos Aires nel 1979





Montecarlo 1996: ultima l'ultima vittoria