Giancarlo Baghetti

Giancarlo Baghetti nacque a Milano nel 1934 e si appassionò presto alle corse. Dopo aver ottenuto brillanti risultati nelle gare di salita e alla mille miglia, debuttò nelle ruote scoperte conquistando diverse vittorie che gli valsero la possibilità di debuttare in Formula 1, grazie all'appoggio della Federazione.

Stupì gli addetti ai lavori trionfando nei primi due gran premi cui partecipò, quelli di Siracusa e Napoli, non validi per il mondiale ma comunque svolti alla presenza di piloti di primo piano impegnati in Formula 1.

La conferma del talento di Baghetti avvenne al gran premio di Francia valido per il campionato del mondo di Formula 1, nel quale il milanese alla guida della Ferrari partì dalla dodicesima posizione e riuscì a vincere, al termine di una gara entusiasmante con tanto di vittoria al fotofinish su Gurney, ad oggi unico caso di pilota in grado di vincere al debutto nel mondiale di Formula 1; nel corso della stagione disputò altre due corse, ritirandosi in entrambi i casi e segnando il giro più veloce a Monza.
La stagione seguente arrivò la conferma in Ferrari ma fu un'annata deludente con due soli piazzamenti a punti e tante difficoltà, situazione che portò il pilota a seguire l'Ing.Carlo Chiti e Phil Hill alla neonata Ats, scuderia tanto ambiziosa quanto deludente dove tra mille peripezie Baghetti concluse un solo gran premio ad oltre venti giri dal vincitore.

Da quel momento non ebbe più occasioni di mettersi in luce e alla guida di varie auto disputò altri dieci gran premi senza segnare punti, ritirandosi definitivamente dalla massima serie alla fine del 1967, disputando nello stesso periodo la Targa Florio, dove conquistò due brillanti secondi posti.

Terminata l'attività agonistica, divenne successivamente codirettore di "Auto oggi", restando in carica fino alla morte, avvenuta nel 1995.


Gp di Francia 1961: debutto con vittoria per Baghetti


Presentazione Alfa 75 di G.Baghetti