HOME PAGE‎ > ‎CIRCUITI‎ > ‎

Zolder


Negli anni cinquanta iniziarono a tenersi competizioni motoristiche nella zona di Terlaemen, territorio che con il passare del tempo divenne un vero e proprio autodromo, progettato da "Hans" Hugenholtz e inaugurato nel 1963; dato che i piloti iniziarono a considerare il vecchio circuito Spa troppo pericoloso per le F1 di quell'epoca, sempre più veloci e performanti, il nuovo tracciato di Zolder venne scelto in alternanza con Nivelles come sede del Gp del Belgio. La configurazione iniziale venne modificata nel 1972, quando fu costruita una chicane a metà del tratto veloce opposto ai box, mentre tre anni più tardi la veloce sinistra-destra prima del traguardo, denominata Jacky Ickxbocht, venne considerevolmente rallentata, ciò nonostante la pista continuava a suscitare perplessità per i box stretti e le vie di fuga inesistenti, timori purtroppo confermati da due tragedie avvenute ad inizio anni ottanta.

Nel 1982, durante lo svolgimento dell prove libere dell'edizione 1981, il meccanico Osella Giovanni Amadeo cadde dal muretto box mentre transitava la Williams di Carlos Reutemann, che non poté fare nulla per evitarlo e lo travolse uccidendolo; l'anno seguente, il giorno 8 maggio, nel corso delle qualifiche perse la vita Gilles Villeneuve a causa di un contatto tra la sua Ferrari e la March di Jochen Mass avvenuto nel tratto prima della Terlamenbocht. Nel frattempo nel 1979 venne inaugurato il nuovo tracciato di Spa-Francorchamps su cui la Formula 1 tornò nel 1983 per poi trasferirsi definitivamente due anni più tardi dopo un'ultima edizione a Zolder nel 1984 vinta da Michele Alboreto, la prima al volante della Ferrari; pur abbandonato dalle maggiori competizioni automobilistiche internazionali, il circuito belga ha avuto comunque l'occasione di ospitare gare importanti ed è rimasto "vivo" e in ottime condizioni strutturali.