HOME PAGE‎ > ‎CIRCUITI‎ > ‎

Spa Francorchamps

Risultati immagini per spa francorchamps


Ancora oggi, in un'epoca segnata da una moltitudine di circuiti completamente vuoti di caratteristiche che li rendano unici e appassionanti, Spa Francorchamps, rimane tra le prove in calendario un classico senza tempo. 
La storia del tracciato belga partì dai primi anni '20, ricavato unendo le tre strade statali che collegavano le cittadine di Malmedy, Stavelot e Francorchamps; la prima gara disputatasi si svolse nel 1922 e già nel 1924 si tenne la prima 24 Ore, mentre nel 1925 gareggiarono per la prima volta a Spa le vetture di Formula Grand Prix.

Il layout originale era di forma triangolare e lungo circa 14 km, considerato già allora un circuito in cui i campioni facevano la differenza, soprattutto dopo le modifiche al tracciato di fine anni trenta in cui venne aggirata la lenta e contorta sezione dell'Ancienne Douane mediante una combinazione di curve destra-sinistra in salita (in 240 metri di pista si affronta un dislivello di 24 metri: stiamo parlando del Raidillon, conosciuta da tutti insieme alla curva sinistrorsa posta in fondo alla valle dell'Eau Rouge formando la sezione Eau Rouge-Raidillon, uno dei tratti più noti dell'automobilismo mondiale.

Dagli anni cinquanta la pista iniziò a ospitare il neonato Campionato mondiale di Formula 1, diventando uno dei banchi di prova più importanti per i piloti della massima categoria automobilistica: le alte medie rappresentavano un grande rischio per i piloti e purtroppo non mancarono gli incidenti mortali, tanto che successivamente la pista fu adeguata nel limite del possibile ai nuovi standard di sicurezza, anche se l'avvento degli alettoni incrementò ulteriormente la velocità di percorrenza in curva, quindi  su pressione del sindacato piloti guidato da Jackie Stewart l'appuntamento belga passo prima a Nivelles e poi a Zolder.

A fine anni settanta la direzione dell'autodromo decise di costruire un nuovo tracciato semipermanente che continuava a usare i tratti di viabilità ordinaria dalla curva di Blanchimont sino alla fine del rettilineo del Kemmel, uniti dal vecchio tornante de La Source e da una nuova bretella permanente che collegava le altre due estremità rimaste del vecchio tracciato (tuttora esistente), nel 1980 venne anche inserita la doppia chicane denominata Bus Stop appena prima del traguardo, furono inoltre spostati i box e la partenza posta appena prima del tornantino. Il GP del Belgio tornò così a Spa-Francorchamps nel 1983 e poi definitivamente dal 1985 (ad eccezione del 2006) restando un fiore all'occhiello nonostante alcune modifiche, come l'eliminazione della suggestiva Bus Stop.


Il circuito attuale a confronto con quello storico



VIDEO ONBOARD

Il tracciato storico



On board con Patrese - 1990





Modifiche alla Bus Stop (F.Alonso)



Pole di Fisichella nel 2009. Layout moderno