HOME PAGE‎ > ‎CIRCUITI‎ > ‎

Montecarlo

Risultati immagini per circuito montecarlo





Il circuito del principato di Monaco è uno dei pochi punti di contatto tra la Formula 1 e l'attuale Circus dei gran premi, essendo ricavato utilizzando le strade del centro cittadino in un calendario che ha visto progressivamente scomparire o snaturare tutti i circuiti classici, tra le storiche curve di Montecarlo si sono scritte pagine leggendarie, purtroppo anche tragiche, della storia della massima serie automobilistica.

Il tracciato ha sempre mantenuto una lunghezza di circa 3 km e si snoda fra gli edifici del centro storico, nel corso degli anni sono state apportate lievi modifiche che non hanno comunque cambiato la struttura: al via si affronta subito una curva a destra (Santa Devota), cui segue la salita Beau Rivage, poi dopo la curva a sinistra Massenet le vetture affrontano la curva Casino per giungere alla Mirabeau e al successivo strettissimo tornantino Loews (detto in precedenza Vecchia Stazione). A quel punto si prosegue con una doppia a destra in discesa (Mirabeau Bas e Portier), che introducono al velocissimo curvone del Tunnel, dove le auto sfrecciano al coperto fino ad una violenta staccata per la chicane che immette nel misto che si sviluppa nella darsena del Principato, con le curve del tabaccaio e delle piscine, fino alla parte finale, nel quale la Rascasse e la Noghes riportano al rettilineo di partenza.

Nelle prime edizioni la partenza era posizionata sul lungomare opposto ai box, dopo la curva del Tabaccaio il tracciato procedeva con un tratto rettilineo parallelo al rettilineo di partenza odierno e i due tratti erano uniti dallo strettissimo tornante del Gasometro, solo dal 1962 la partenza venne spostata nella posizione attuale. Nel 1973 la pista venne modificata in diversi punti: venne allungato il tunnel e costruito il complesso delle Piscine, motivo per cui vennero inserite due "S" raccordate da un breve rettilineo, nel tratto successivo il Gasometro venne sostituito con la Rascasse (dal nome del ristorante sito in quel punto), poi nel 1986 la variante venne resa più lenta con due curve ad angolo retto al posto del veloce e pericoloso cambio di direzione in discesa. A quel punto si arrivò ad una soluzione praticamente definitiva, salvo alcuni accorgimenti per incrementare visibilità e sicurezza dei piloti.

Il cambio di marcia continuo (soprattutto quando i comandi non erano a volante), le curve insidiose, i tombini e la consapevolezza che l'errore è praticamente sinonimo di ritiro hanno reso questo circuito una vera e propria leggenda, tra le strade del principato hanno saputo fare la differenza grandi campioni come Senna (per lui sei vittorie, tra cui cinque consecutive tra il 1989 e il 1993), Graham Hill, Michael Schumacher o Gilles Villeneuve. Tra l'altro il talento di Senna si rivelò proprio al Gp di Monaco, anno 1984, quando con la modesta Toleman partì dalle retrovie e fu autore di una straordinaria rimonta sotto il diluvio, fino a sfiorare una vitoria negata solo dalla sospensione della gara. Passando agli anni recenti, nel 2004 Jarno Trulli colse una straordinaria vittoria, l'unica nella categoria, al termine di un fine settimana in cui fu anche autore della pole position, sarebbe potuto partire dalla prima posizione anche Michael Schumacher nel 2012, ma l'assurdo regolamento della Formula Drs lo fece retrocedere in griglia a causa di un lieve contatto avvenuto nella gara precedente.

Questo circuito riporta alla memoria anche terribili tragedie, come quella di Lorenzo Bandini, che morì durante lo svolgimento della gara nel 1967 a causa di un incendio seguito ad un terribile incidente, nello stesso punto dove alcuni anni prima Alberto Ascari finì in mare, fortunatamente senza conseguenze, nella staccata all'uscita del tunnel che costò quasi la vita a Karl Wendlinger nel 1994, l'austriaco se la cavò poi dopo un lungo periodo di coma e una volta ristabilito non riuscì più a tornare alle prestazioni precedenti lo schianto. 



Tracciato originale e moderno a confronto
  




Anni 70, Graham Hill


Con Ayrton Senna, 6 volte vincitore a Monaco





Jarno Trulli - 2004


Webber - 2010