Il circuito di Kyalami venne Inaugurato il 4 novembre 1961 divenne ben presto il più importante in una nazione che tra gli anni sessanta e settanta vide un notevole incremento di interesse, tanto da arrivare all'organizzazione di un campionato nazionale di categoria, con vetture di Formula 1 e Formula 5000, il tracciato ricevette anche l'elogio di alcuni piloti, Stewart in primis, per l'organizzazione e la sicurezza. 
Posto a 1.500 metri d'altitudine e lungo 4.104 metri, era un circuito veloce che metteva in grande risalto le doti motoristiche della vettura e di guida del pilota: il rettilineo iniziale scendeva fino alla curva Crowthorne seguita da una serie di curve veloci che terminavano con la lenta ClubHouse, da quel punto ancora in discesa fino alle impegnative The Esses, per poi risalire con il tornante Leeukep, seguito dalla velocissima semicurva The Kink che riportava sul rettilineo iniziale. 

Nonostante le lodi all'organizzazione non mancarono le tragedie: nel 1974 perse la vita Peter Revson, mentre tre anni più tardi Kyalami fu teatro della morte di Tom Pryce e del commissario di pista Frederik Jansen van Vuuren, uno studente olandese di appena 19 anni che attraversò la pista e fu investito dalla vettura di Pryce, colpito dall'estintore che sarebbe servito per domare un principo di incendio sulla vettura dell'altra Shadow di Zorzi, ancora il fuoco fu triste protagonista nel 1984 e solo l'efficienza dei commissari salvò Ghinzani dalle fiamme sprigionate dalla sua Osella. Tra il 1967 e il 1985 il circuito ha ospitato 18 edizioni del Gp del Sudafrica, una di queste (1981) non valida per il mondiale causa la battaglia politica tra FOCA e FISA, evento cui fece seguito il patto della concordia.

Kyalami venne abbandonato dal 1986 causa le tensioni politiche e razziali nel paese e rientrò in calendario per il 1992 e 1993 con un layout radicalmente modificato causa la vendita di alcuni terreni allo scopo di ricavare fondi, il risultato fu una pista più lunga e sensibilmente più lenta, con rotta antioraria all'opposto di quella precedente. Nigel Mansell vinse l'ultima edizione sul vecchio tracciato e la prima su quello nuovo, mentre nel 1993 si aggiudicò la corsa Alain Prost, anche lui vittorioso in entrambe le configurazioni.

Le due configurazioni utilizzate per Kyalami
   Tracciato di Circuito di Kyalami


VIDEO ON BOARD

Vecchia configurazione ‎(A.Prost)‎


Configurazione utilizzata nel 1992 e 1993