HOME PAGE‎ > ‎CIRCUITI‎ > ‎

Indianapolis



L'Indianapolis Motor Speedway è un circuito automobilistico situato a Speedway e ospita abitualmente le gare della NASCAR Sprint Cup Series, della Nationwide Series, del campionato Grand-Am oltre alla celeberrima 500 Miglia di Indianapolis.: costruito nel 1909, è considerato uno dei circuiti automobilistici più famosi del mondo, nonché il più celebre tra i cosiddetti "ovali", composto da quattro rettilinei raccordati da 4 curve a novanta gradi. In origine la superficie della pista era ricoperta da pietrisco frantumato e catrame mentre dal 1909 venne realizzata una nuova pavimentazione utilizzando 3,2 milioni di mattoncini, il ché, visto il costante incremento delle prestazioni e di conseguenza della velocità, rese comunque il circuito troppo pericoloso, per questo motivo alla fine degli anni trenta il catino venne completamente asfaltato, tranne la porzione in corrispondenza della linea di partenza e di arrivo (detta "The Brickyard", cioè la iarda di mattoni) che conserva ancora oggi i mattoncini dell'epoca.

Tra il 1950 e il 1960 la 500 Miglia è stata valida per il Campionato mondiale di Formula 1 nel tentativo di avvicinare le due principali serie automobilistiche, ma la differente mentalità di concepire le corse non ha permesso una grande integrazione, tanto che, salvo rare eccezioni, la prova sul catino dell'Indiana veniva abitualmente disertata dagli iscritti al mondiale di Formula 1 e i partecipanti alla 500 miglia non hanno mai preso parte ad altre prove iridate. Il Gp degli Stati Uniti è comunque rimasto in calendario con altri circuiti, quali ad esempio Watkins Glen o Long Beach, mentre L'Indianapolis Motor Speedway rientrò nel 2000, quando fu costruito all'interno del catino un circuito che si snoda tra i parcheggi e le strade di servizio per far correre le attuali monoposto, circuito che utilizza in parte il velocissimo anello (per la precisione le curve 12-13 e il rettilineo di arrivo), da notare che la gara di Formula 1 girava in senso opposto alla 500 Miglia, così, quella che nella corsa americana è la curva 1, in Formula 1 diventò la piega conclusiva del giro.

Hakkinen, Barrichello ed Hamilton hanno vinto un'edizione a testa, mentre Michael Schumacher ha trionfato in cinque edizioni, compresa quella del 2005, quando tutte le monoposto gommate Michelin durante il giro di ricognizione prima della partenza per problemi degli pneumatici francesi che vibravano e si deterioravano in modo anomalo rischiando di causare quindi incidenti molto pericolosi. La gara si disputò solamente con le vetture gommate Bridgestone e vinse la Ferrari di Michael Schumacher davanti al compagno di team Barrichello, poi terza e quarta le Jordan di Monteiro e Karthikeyan davanti alle due Minardi di Albers e Friesacher. Il clima irreale di quel giorno fu l'inizio del calo di interesse della Formula 1 verso il tracciato di Indianapolis, scomparso dal calendario a partire dal 2008 ed utilizzato in seguito per il motomondiale.


L'ovale tradizionale e il circuito "interno" utilizzato in F1

Tracciato di Indianapolis Motor Speedway       


VIDEO ON BOARD

On board con F.Alonso



Indy 500 del 1950