HOME PAGE‎ > ‎CIRCUITI‎ > ‎

Hockenheimring


VIDEO ON BOARD
- Frentzen e Schumacher a confronto che le due versioni del circuito tedesco

L'Hockenheimring fu costruito negli anni trenta e nel 1970 ospitò per la prima volta il Gran premio di Germania valido per il campionato del mondo di Formula 1, diventando un appuntamento fisso dal 1976 fino ai giorni nostri, salvo alcune alternanze con il Nurburgring. Il tracciato iniziale aveva una forma triangolare a una lunghezza notevole, pari a 12 Km, mentre sul finire degli anni trenta iniziarono i lavori che portarono il circuito alla tradizionale forma ovale con curve velocissime e una lunghezza totale superiore ai 7 Km da percorrere in senso antiorario. Negli anni sessanta venne avviata la costruzione di nuovi box e tribune, oltre alla sezione definita Motodrom, caratterizzata da una serie di curve tecniche e lente destinate a mettere a dura prova i piloti che sarebbero scesi in pista con la vettura "scarica" dal punto di vista aerodinamico al fine di raggiungere velocità elevate nei lunghi rettilinei. Il nuovo tracciato, lungo 6.768 metri e da quel momento percorso in senso orario, è stato utilizzato per quasi trent'anni con alcune variazioni, le prime effettuate in seguito all'incidente mortale di Jim Clark in una gara di Formula 2 nel 1968, con l'inserimento di due chicane che interrompevano i lunghi tratti rettilinei, la prima delle quali dedicata proprio al campione scozzese e costruita nel punto dove egli perse la vita, a circa metà del tratto che portava dalla prima curva Nordkurve alla Ostkurve, cuva che a sua volta fu rallentata con una serie di pneumatici in seguito alla scomparsa di Patrick Depailler, mentre successivamente vennero eseguiti lavori per renderla fissa, oltre a rallentare ulteriormente le due "Esse" poste a metà dei due rettilinei.
Il layout di Hockenheim rimase costante fino al 2002, quando il tracciato venne completamente stravolto, pare per generare gare con maggior numero di giri e quindi più passaggi pubblicitari, attraverso la rimozione dei tratti nei boschi e costruzione di un nuovo anonimo tratto misto, con il solo Motodrom a rappresentare un punto di interesse sufficientemente tecnico.