HOME PAGE‎ > ‎Storie di Gran Premi‎ > ‎

Campionato del mondo di Formula 1 - 1974

<1973 - 1975>

Risultati immagini per f1 1974  fittipaldi


Per la stagione 1974 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 venne confermato lo stesso numero di gare della stagione precedente, ovvero quindici, mentre dal punto di vista regolamentare, da quell'anno i numeri delle macchine rimasero fissi per tutta la stagione mente prima venivano assegnati gara per gara. Sul fronte dei team, la Tyrrell orfana di Cevert e Stewart ingaggiò Scheckter e Depailler, la Lotus confermò Peterson, cui venne affiancato Ickx al posto di Fittipaldi, trasferitosi alla Mclaren dopo i dissidi con il team avvenuto nel corso della stagione precedente.

Dopo una stagione alla decaduta Brm, Regazzoni fu richiamato dalla Ferrari, che con Luca Cordero di Montezemolo e l’Ing. Mauro Forghieri stava gettando le basi per uno straordinario ciclo vincente: Clay consigliò ad Enzo Ferrari l’ingaggio del compagno di squadra Niki Lauda, che si sarebbe rivelato un osso più duro del previsto; che la Ferrari non fosse più relegata al ruolo di comparsa divenne chiaro da subito e al giro di boa del mondiale 1974 alle spalle del leader Fittipaldi si trovavano proprio Lauda (4 pole e 2 vittorie) e Regazzoni, ancora a secco di successi ma più costante dell’austriaco; poi al Nurburgring arrivò anche il momento del ritorno sul gradino più alto del podio per Clay,  cui seguì un altro piazzamento che lo portò a quota 46 punti, contro i 41 di Scheckter, i 38 di Lauda e i 37 di Fittipaldi.

A tre gare dalla fine la classifica poneva dunque Regazzoni come favorito, ma a Monza il motore Ferrari lo tradì e a Mosport non andò oltre ad un secondo posto alle spalle di Fittipaldi, che lo raggiunse in classifica; la questione si sarebbe dunque risolta a Watkins Glen, in un contesto surreale dato che dopo dieci giri di gara Koinigg uscì di strada e fu orrendamente decapitato dal guard rail ma la vettura non venne rimossa. Reutemann conquistò la pole e vinse agevolmente la gara davanti al compagno di squadra Pace mentre per Regazzoni fu un calvario: partito nono alle spalle di Fittipaldi, iniziò progressivamente a rallentare tanto che si formò un trenino alle sue spalle, tentò un disperato cambio gomme al 15esimo giro ma la situazione non migliorò, pare per un problema alla sospensione, stesso guaio che costrinse al ritiro Lauda. Clay si classificò undicesimo a quattro giri dal vincitore e a Fittipaldi bastò così un quarto posto per vincere il titolo, l'ultimo in carriera, mentre la Ferrari si sarebbe rifatta l'anno successivo, ma con Lauda come grande protagonista.


Sintesi campionato - 1/3


Sintesi campionato - 2/3


Sintesi campionato - 3/3


Servizio dedicato a Fittipaldi